Igiene sul lavoro: come pulire ufficio e magazzino

La questione della sicurezza dei locali di lavoro, dove trascorriamo buona parte della giornata, è sempre importante. Considerato anche il periodo storico che stiamo vivendo, dove la valutazione del rischio biologico connesso all’attività lavorativa è tenuto in grande considerazione, quello dell’igienizzazione dei luoghi lavorativi è oggi un argomento più attuale che mai.

Ci sono mansioni che, per loro caratteristica, espongono il lavoratore a rischi più elevati, obbligandolo ad adottare specifici comportamenti circa l’utilizzo di dispositivi di sicurezza e procedure ben definite. Ma quali sono i comportamenti da adottare se svolgiamo un lavoro considerato a “basso rischio”?

Sei hai la fortuna di lavorare in ufficio non sei a contatto con sostanze nocive o elementi potenzialmente pericolosi ma ciò non toglie che pulizie mirate e piccoli accorgimenti quotidiani siano sempre consigliati per avere un posto di lavoro salubre e sicuro.

Come pulire l’ufficio e la tua postazione PC

Pavimenti sempre in ordine

Le parti più facili da pulire sono sicuramente i corridoi e tutte quelle porzioni di pavimento ampie e senza ingombri, su cui si può lavorare facilmente con un accessorio grande. Passare l’aspirapolvere dovrebbe essere un’attività quotidiana, ma con un sistema centralizzato che elimina definitivamente polvere e batteri, la pulizia può essere fatta anche settimanalmente in ufficio, per permettere a tutti i dipendenti di lavorare in un ambiente pulito. Questa operazione è semplice e veloce soprattutto se si utilizza una spazzola larga per pavimenti come questa da 40 cm per pulire facilmente pavimentazioni piastrellate, in PVC o linoleum rimuovendo bene la polvere anche dalle fughe. Questo modello è dotato di ruote che permettono all’accessorio di essere manovrato con estrema comodità.

Per le sue robuste setole, questa spazzola è indicata anche per la pulizia di pavimenti in cemento, sempre più utilizzati in moderni uffici, ma anche per raccogliere polvere e residui dalle pavimentazioni industriali dei magazzini.

Se la struttura è dotata di un impianto di aspirapolvere centralizzato, tutto quello che verrà aspirato, compreso germi e batteri, passerà attraverso una rete di tubi posti nel muro o nel pavimento, arrivando ad una centralina installata in un locale di servizio. Qui sarà tutto filtrato e le particelle più piccole verranno direttamente espulse all’esterno

Ufficio pulito e aria sanificata al 100% in un batter d’occhio!

Svuota i portapenne

Anche se non ci facciamo caso, questi contenitori privi di coperchio, raccolgono molta polvere per il fatto che restano a lungo immobili sulla scrivania, stracolmi di accessori di cancelleria e che raramente pensiamo di pulire. Anzi, ammettiamolo, praticamente mai. Ricordarsi periodicamente di svuotarli, rimuovere residui di mina e sporcizia, può rivelarsi molto positivo per la nostra salute visto che andremo così ad eliminare acari e batteri da un oggetto posizionato costantemente vicino a noi.

Pulisci la tastiera e il mouse con frequenza

Fedele compagno di ogni impiegato, il computer è lo strumento che in ufficio si usa maggiormente. Si trascorrono ore davanti allo schermo, spesso anche la pausa pranzo tra un morso al panino e la risposta ad una email. Sappiamo che è uno strumento fondamentale per il lavoro ma spesso ignoriamo che può trasformarsi in un covo di batteri. Le mani costantemente posizionate sulla tastiera sono le stesse che toccano telefono, fogli, schedari, e ogni altro genere di oggetto nella stanza. Puoi ben immaginare la quantità di sporcizia – e di briciole! – che si possono depositare sui singoli tasti e nelle fessure. È opportuno allora pulire la tastiera abbastanza spesso.

Il modo più rapido è tramite l’aspirazione, utilizzando accessori piccoli ma estremamente funzionali, da collegare a qualunque tipo di aspirapolvere, come questo spazzolino un setole morbide che consente di sporlverare delicatamente la superficie della tastiera rimuovendo tutto ciò che è finito negli interstizi sottostanti. Concludi poi la pulizia passando un panno morbido sui cui puoi spruzzare una lozione a base alcolica ad azione disinfettante. Lo stesso puoi fare con il mouse , possibilmente con una frequenza settimanale.

Igienizza il microfono e gli auricolari

Molti uffici mettono a disposizione dei propri dipendenti delle cuffiette con microfono per poter fare telefonate, seguire webinar e conference call su Skype in modo agevole. Quell’archetto che termina con il microfono, posizionato vicino ad orecchie e bocca, dovrebbe essere innanzitutto ad uso esclusivo e poi ripulito di tanto in tanto, avendo cura di riporlo magari dentro un cassetto invece che buttato un po’ a caso dove capita a prender polvere.

Le componenti in plastica dura possono essere igienizzate sempre con uno spray con alcool, nebulizzato su un panno e poi passato su tutta la superficie. La spugna invece, che in molti casi ricopre il microfono, sulla quale arrivano inevitabilmente goccioline di saliva, dovrebbe essere lavata con acqua e sapone, risciacquata e riapplicata solo dopo che si sarà asciugata completamente.

Guarda anche sotto la scrivania

Lo sappiamo, potrebbe non essere un bello spettacolo, ma è per il tuo bene. Anche se l’azienda per cui lavori si affida ad un’impresa di pulizie, può capitare che gli inservienti incaricati tralascino delle zone, non per negligenza ma perché sono punti nascosti, scomodi da raggiungere oppure occupati da ostacoli come cavi, cestini o trita-documenti che richiederebbe troppo tempo spostare e risistemare. Abbi allora cura tu della tua postazione con questi accorgimenti:

L’idea dei raccogli-cavi può essere realizzata semplicemente con dei laccetti per chiudere buste e sacchetti alimentari. Legare insieme i cavi ti aiuterà a tener ordinato e composto quel groviglio informe di collegamenti – cavo del monitor, cavo ethernet, alimentatore e via dicendo – permettendo così alla spazzola di un’aspirapolvere di pulire meglio e in modo più approfondito.

Altro consiglio è quello di spostare, se possibile, la torre del PC direttamente sopra la scrivania così da liberare lo spazio sottostante che sarà più facile da spolverare (senza dimenticare che guadagnerai spazio per le gambe). Evita poi di usare il sotto-scrivania come ripostiglio per oggetti che non ti servono, impedirai alla polvere di depositarsi in maggior quantità.

Infine ti segnaliamo un accessorio semplice ed ingegnoso che permette a qualunque aspirapolvere centralizzato o tradizionale di aspirare tra i cavi elettrici dei dispositivi dell’ufficio e tutte quelle zone irraggiungibili per le spazzole classiche. Si tratta di una lancia flessibile da 50 cm che riesce a “strisciare” sotto i mobili bassi infilandosi negli spazi piccoli, rimuovendo, grazie allo spazzolino inserito sulla punta, tutto lo sporco in maniera ottimale e soprattutto senza costringerti ad assumere posizioni da contorsionista.

Scopri tutti gli approfondimenti preparati dallo staff GDA