GDA pulizia pavimenti

Come pulire i diversi tipi di pavimento

Pulire il pavimento non è un’operazione così semplice come potrebbe sembrare, ogni materiale è diverso e necessita di una manutenzione e di prodotti particolari a seconda delle sue caratteristiche tecniche. Se non si tiene conto di queste caratteristiche, i risultati potrebbero non essere quelli desiderati e si corre anche il rischio di rovinare il pavimento, specialmente in presenza di materiali molto delicati, come il marmo o il parquet. Il produttore del vostro pavimento è senz’altro il soggetto più indicato a cui chiedere indicazioni a questo proposito. Se però questo non fosse possibile, ecco qui alcune linee guida su come trattare i diversi tipi di pavimento.

Una prima classificazione è tra pavimenti porosi e non porosi. I materiali porosi tendono a trattenere lo sporco e sono quindi un po’ più difficili da pulire perché lo sporco deve essere prima portato alla superficie dal detergente e poi eliminato con un successivo risciacquo. Appartengono a questa categoria marmi, graniti e il cotto.

MARMO

Contrariamente a quanto si crede, è un materiale molto delicato facilmente attaccabile dagli acidi che deve essere levigato e trattato per conferirgli brillantezza. I detergenti da evitare assolutamente sono quindi la candeggina e l’ammoniaca che possono corroderlo e macchiarlo. Utilizzare quindi solo sapone di Marsiglia diluito nell’acqua, poi risciacquare accuratamente con un panno umido. Se dovessero essere presenti delle macchie, si può aggiungere un po’ di bicarbonato di sodio al sapone.

GRANITO

E’ più resistente del marmo e meno attaccabile dagli acidi. Tuttavia, essendo comunque un materiale molto poroso, il procedimento da adottare è come quello descritto per il marmo.

COTTO

Anche per il cotto, il sapone di Marsiglia diluito nell’acqua è senz’altro il detergente migliore. Poi risciacquare con acqua a cui avremo aggiunto un paio di cucchiai di aceto. In caso vogliate ridare brillantezza al vostro pavimento in cotto, potete stendere con un panno un velo di olio di lino la sera prima. Il giorno dopo laverete il pavimento come indicato sopra.

E veniamo ai materiali non porosi, quindi quasi completamente impermeabili. Sono materiali duri e resistenti che necessitano di poche attenzioni: gres, klinker, gres porcellanato, ceramica e la modernissima resina.

GRES, KLINKER, GRES PORCELLANATO e CERAMICA

Se avete pavimenti di questi materiali potete usare qualsiasi tipo di detersivo. Potete anche usare prodotti che non necessitano di risciacquo oppure un po’ di detersivo per i piatti. Se preferite prodotti naturali, potete lavare i vostri pavimenti con acqua e aceto o bicarbonato.
L’unico problema con questi tipi di pavimento è che col passare del tempo le fughe, gli spazi tra una mattonella e l’altra, tendono ad annerirsi. In questo caso, prima di pulire col normale detersivo, potete passare sulle fughe una miscela di bicarbonato, acqua ossigenata e sapone di Marsiglia e spazzolare energicamente con una spazzola per pavimenti.

RESINA

In questo caso non ci sono fughe e il pavimento è ancora più facile da pulire: acqua calda e uno straccio in microfibra e il gioco è fatto!

Per quanto riguarda i pavimenti in legno o in laminato invece il discorso è un po’ diverso.

PARQUET

E’ un pavimento molto elegante, ma un po’ impegnativo. La pulizia dipende dal tipo di finitura e di verniciatura applicate e richiede di solito prodotti specifici in mancanza dei quali è meglio procedere nel modo più semplice possibile asportando la polvere e passando uno straccio appena inumidito di acqua tiepida.

LAMINATO

Il parente povero del parquet, ma molto più pratico e resistente. Non si macchia facilmente e si può pulire con acqua e alcol.

Va da sé che tutte le operazioni che abbiamo suggerito saranno tanto più semplici ed efficaci quanto più avremo curato la fase preliminare di ogni pulizia: l’asportazione della polvere effettuata con l’ausilio di un buon aspirapolvere o, ancora meglio, mediante l’utilizzo di un impianto di aspirazione centralizzato.

Per pulire nel modo migliore ogni tipo di ambiente della casa o dell’ufficio anche negli angoli, pavimenti, parquet e rivestimenti diversi, sono necessari accessori per l’aspirazione progettati per le differenti funzioni d’uso. 

Tanti sono gli accessori per l’aspirapolvere, utili a rendere più piacevole il lavoro quotidiano di chi pulisce, sia privati che professionisti, pratici, leggeri e comodi nell’utilizzo.


Scopri tutti gli approfondimenti preparati dallo staff GDA